Profilo o Pagina Aziendale su Facebook, quali sono le differenze?

facebook-marketing

È meglio un profilo o una pagina Facebook?

Quanti di voi avranno tra gli amici delle attività commerciali? Possiamo dire che riguarda quasi tutti…

Sono molte infatti le attività che aprono un profilo personale come mezzo di comunicazione su Facebook con la propria clientela o aspirante tale, ma è la scelta giusta? O per un Azienda è meglio aprire una pagina, proviamo a vedere le differenze tra profilo e pagina Facebook per poter scegliere al meglio.

Una premessa è doverosa, Facebook ha creato le pagine fan con lo scopo di distinguere Aziende ed Organizzazioni dai profili personali, questi ultimi secondo la policy del famoso social network sono destinati esclusivamente a persone fisiche. Quindi un Azienda che usa un profilo personale anzichè una Facebook fan non rispetta le regole? Ebbene no… In linea di principio e solamente per questo motivo, il Team di Zuckerberg potrebbe in ogni momento decidere di chiudervi il profilo gettando alle ortiche tutto il lavoro che avete fatto finora, in fin dei conti siete ospiti a titolo gratuito e le regole le scrive il padrone di casa, di seguito pubblichiamo un’estratto del regolamento che trovate a quest’indirizzo.

Le condizioni di Facebook vietano l’uso dell’account personale per rappresentare un soggetto diverso da te stesso (ad es. la propria azienda). Se usi il tuo account per rappresentare un soggetto diverso da te stesso, puoi rischiare di perdere in modo permanente l’accesso al tuo account e a tutti i suoi contenuti se non lo converti in una Pagina.

Fatta questa dovuta premessa passiamo ad analizzare le principali differenze tra i due strumenti:


Un profilo non è visibile a chi non è loggato a Facebook, le pagine invece (di default) sono consultabili da chiunque, anche da chi non ha account registrati, già questo può risultare un dettaglio determinante per chi vuole comunicare attraverso il famoso social. Avere un profilo anzichè una pagina fan equivale ad anteporre una barriera tra la vostra esigenza di comunicare ed il vostro potenziale target.


Un profilo ha un massimo di 5.000 amici, le pagine non hanno limiti di fan, quante volte vi sarà capitato di trovare su FB delle Aziende (o Organizzazioni di vario genere) con il nome “OrganizzazioneX profilo2, oltre all’inestetismo che già da solo giustificherebbe l’utilizzo di una pagina, pensate al doppio lavoro che va fatto per aggiornare due profili anzichè una singola pagina.


Un profilo ha gli amici, le pagine hanno i fan, sono due cose molto differenti nella sostanza. Se Luigi e Mario sono amici hanno un rapporto biridezionale, diventando amici acconsentono reciprocamente a rendere visibile all’altro i propri contenuti ed ognuno dei due riceverà gli aggiornamenti dell’altro non appena pubblicati. Nel caso della pagina le cose sono un pò diverse, il rapporto è monodirezionale, il fan vede gli aggiornamenti della pagina, ma quest’ultima non può “sbirciare” nel profilo del fan. E’ chiaro quindi che con il profilo (se utilizzato da un’Azienda) il rapporto è ambiguo, ma facciamo un esempio; La pizzeria Pinco Pallino apre un profilo (magari gestito da più persone per comodità) anzichè una pagina e richiede l’amicizia a Mario, se lui accetta dovrà condividere con dei potenziali sconosciuti la propria bacheca. Magari Mario questo problema se lo è già posto e probabilmente deciderà di respingere al mittente la richiesta, se non se lo è ancora posto potrebbe farlo in futuro e togliervi l’amicizia. L’utilizzo di un profilo personale da parte di un’Azienda costituisce sempre un’invasione della privacy dei propri potenziali clienti.


Un profilo può chattare con gli amici, una pagina no.


Un profilo può mandare messaggi privati ad altri profili o pagine, una pagina no. La pagina può solo rispondere ai messaggi ricevuti.


Un profilo può taggare gli amici in un post, una pagina non può taggare i profili, neanche quelli dei fan. E per fortuna aggiungeremmo noi, altrimenti sai lo spam…


Inoltre:


Una pagina ha a disposizione gli Insight, trattasi di uno strumento di analisi della pagina stessa e dei contenuti che pubblicherete, gli Insight tengono traccia del traffico e delle interazioni del pubblico, vi forniscono molti dati sugli utenti suddividendoli per sesso, provenienza geografica e fasce d’età. I dati forniti risulteranno determinanti per la calibrazione della comunicazione, conoscere il vostro pubblico è un’arma in più nel vostro arsenale.


Una pagina può pubblicizzarsi tramite gli ADS per far crescere il proprio pubblico in maniera ottimizzata e targettizzata, con poche decine di Euro talvolta.


Una pagina dispone delle App, grazie alle quali può creare sistemi di coinvolgimento del pubblico come concorsi, e-commerce, iscrizione alla newsletter etc etc etc etc.


I contenuti di una pagina vengono indicizzati dai motori di ricerca a differenza dei profili.


Se non dovesse bastarti:


Un profilo utilizzato per scopi promozionali è altamente a rischio di segnalazione per spam da parte degli utenti, non lo diciamo noi, lo dicono le statistiche.


Facebook sta investendo nelle pagine, creando di continuo nuove funzioni e nuove opportunità, una pagina è uno strumento appositamente creato e perfettamente tagliato per l’utilizzo Business.


E se per sbaglio hai già creato un profilo anzichè una pagina?

Nulla è perduto non ti preoccupare, Facebook ti da la possibilità di mettere a posto le cose effettuando la conversione senza fustigarti…


 

Condividi... Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *